Economia, Lavoro & Società

Alitalia costa cara a Colaninno. Nel primo semestre 2014 la Immsi perde 40 milioni [FQ]

28 agosto 2014
By admin
Alitalia costa cara a Colaninno. Nel primo semestre 2014 la Immsi perde 40 milioni [FQ]

La holding che controlla Piaggio ha svalutato per 40,8 milioni la quota del 10,19% nella compagnia aerea, di cui Colaninno è presidente uscente. Dopo il “fidanzamento” con Etihad, Colaninno aveva chiesto un “riconoscimento per l’enorme sacrificio” fatto dalla cordata dei “patrioti” che nel 2008 rilevarono la parte sana di Alitalia scaricando sui contribuenti esuberi e debiti di Redazione Il Fatto Quotidiano A Roberto Colaninno i “tre salvataggi” di Alitalia, per i quali di recente ha chiesto “un riconoscimento”, continuano a costare cari. Dopo i 100 milioni già bruciati, i conti del primo semestre dell’anno della holding Immsi evidenziano infatti...

Read more »

Telecom le 3 contromosse di Telefonica [EconomiaWeb]

20 agosto 2014
By admin
Telecom le 3 contromosse di Telefonica [EconomiaWeb]

L’asse tra Milano e Parigi si rafforza, ma l’azienda spagnola non molla la preda Gvt. Ecco perché. Risiko Tlc - di Francesco Pacifico - L’asse tra Milano (Telecom) e Parigi (Vivendi) si rafforza giorno dopo giorno. Ma Cesar Alierta, presidente di Telefonica – ex socio forte dell’ex incumbent italiano – non dispera di mettere le mani su Global village telefonica, operatore fisso brasiliano di proprietà dei transalpini, finito nel mirino di Marco Patuano, amministratore delegato di Telecom. Il gruppo guidato da Vincent Bolloré deciderà entro il 3 settembre se accettare o meno la proposta italiana,  ma Alierta non sembra...

Read more »

Siamo in riserva [Altreconomia]

20 agosto 2014
By admin
Siamo in riserva [Altreconomia]

Eccoci arrivati, anche per il 2014, all’Earth Overshoot Day: il 19 agosto, l’umanità ha finito le risorse a disposizione sul Pianeta. Da oggi, e fino al 31 dicembre, la nostra “impronta ecologica” graverà sulle generazioni future di redazione In meno di otto mesi abbiamo esaurito l’intero “budget” energetico per il 2014,  e -da oggi- viviamo all’interno di una situazione di deficit ecologico. La stima è del Global Footprint Network, un centro di ricerca internazionale sulla sostenibilità con uffici in Nord America, Europa e Asia che studia l’andamento dell’imponta ecologica dell’umanità rispetto alla biocapacità naturale, cioè la capacità del pianeta...

Read more »

La cura sbagliata [Altreconomia]

20 agosto 2014
By admin
La cura sbagliata [Altreconomia]

L’Italia è in recessione, e quando il Pil non cresce allora il rapporto deficit/Pil si aggrava. Ma la risposta -indotta dalla rigida prassi dell’Eurozona- non possono essere ulteriori tagli alla spesa, specie per un Paese che s’indebita sola per pagare interessi sul debito già esistente. Un commento di Alessandro Volpi di Alessandro Volpi* I più recenti dati sul prodotto interno lordo italiano, forniti da Istat, sono decisamente pesanti: si è passati, infatti, da un’iniziale previsione di crescita, ipotizzata dal Governo intorno a 0,8 punti percentuali, ad un dato recessivo su base annua vicino allo 0,3. Certo, si tratta di...

Read more »

Sfruttamento e precarietà, l’altra faccia del turismo [Com A.S.La Cobas]

10 agosto 2014
By admin
Sfruttamento e precarietà, l’altra faccia del turismo [Com A.S.La Cobas]

Il nero domina nel settore turismo da anni e con la tassa di soggiorno non esiste relazione alcuna e la condizione di sfruttamento riguarda non solo quanti (e sono la maggioranza ) sono privi di regolari contratto.sfruttamento e precarietà Il dipendente del turismo è spesso giovane, italiano o migrante, con esperienza nel settore (chi denuncia le condizioni si sfruttamento viene tagliato fuori e “il passa parola tra esercizi commerciali significa non trovare più una occupazione”. Il settore del Turismo è considerato, dai dati ufficiali ISTAT, come uno dei comparti dove si registra una enorme evasione fiscale, i dipendenti, di...

Read more »

TFR|Fondi Pensione: Siamo alle solite. Tutti a ragionare su come usare i soldi dei lavoratori e su come costringerli ad aderire ai fondi pensione [Com A.S.La Cobas]

9 agosto 2014
By admin
TFR|Fondi Pensione: Siamo alle solite. Tutti a ragionare su come usare i soldi dei lavoratori e su come costringerli ad aderire ai fondi pensione [Com A.S.La Cobas]

Dopo il flop della campagna del 2007 e il progressivo blocco dei versamenti da parte dei lavoratori aderenti, il ministro Poletti arriva a sostenere che si possono usare i fondi pensione, ovvero i soldi dei Lavoratori per licenziarne altri. Insomma di nuovo le mani sul Tfr dei lavoratori. E’ stata una catastrofe quella dei  fondi pensione, 1,4 milioni in meno sono i lavoratori che smettono di versare i contributi per il calo dei redditi. Hanno smesso a causa della crisi di pagare i contributi ai fondi per la pensione integrativa. Gli iscritti ai fondi pensione sono arrivati al 31...

Read more »

Alitalia, sì di Etihad all’alleanza. Via alla mobilità per 2.171 dipendenti

2 agosto 2014
By admin
Alitalia, sì di Etihad all’alleanza. Via alla mobilità per 2.171 dipendenti

1 agosto 2014 – «È arrivata. È positiva». Così l’amministratore delegato di Alitalia Gabriele Del Torchio, alla fine del consiglio di amministrazione da della compagnia, sulla risposta di Etihad. «Sono contento – ha aggiunto – Ora dobbiamo fare degli approfondimenti». Via libera intanto del cda di Alitalia alla proposta di alzare l’aumento di capitale fino a 300 milioni “superando” la delibera dell’assemblea dello scorso 25 luglio che fissava il tetto a 250 milioni. Il board ha convocato una nuova assemblea per l’8 agosto. La compagnia nel frattempo ha aperto le procedure di mobilità per 2.171 dipendenti dell’ex compagnia di...

Read more »

Pressione fiscale record: 53,2% nel 2013 [EconomiaWeb]

30 luglio 2014
By admin
Pressione fiscale record: 53,2% nel 2013 [EconomiaWeb]

Stime sulla crescita del Pil nel 2014 riviste al ribasso: 0,3% invece dello 0,5%. Tasse alle stelle in Italia. Nel 2013 è stato toccato il record mondiale a quota 53,2%, al netto del sommerso (17,3%). Lo afferma l’Ufficio studi della Confcommercio secondo il quale sempre nel 2013, la pressione fiscale apparente è invece a quota 44,1%. La Confcommercio rivede al ribasso le proprie stime del Pil nel 2014: 0,3% invece dello 0,5%. Per i consumi però la curva è in crescita grazie all’effetto del bonus di 80 euro. A fine 2014 per i commercianti la crescita sarà dello 0,2%,...

Read more »

Scene di lotta di classe dall’alto, un residente su 10 è povero [ilmanifesto]

21 luglio 2014
By admin
Scene di lotta di classe dall’alto, un residente su 10 è povero [ilmanifesto]

di Roberto Ciccarelli Istat. Tra il 2012 e il 2013, quando al governo c’erano Monti e Letta, gli indigenti sono aumentati di un milione 206 mila. Oggi in totale sono sei. I poveri relativi sono più di 10 milioni. Dall’inizio della crisi la povertà è aumentata del 150%, in particolare a Sud. Tra i minori l’emergenza è drammatica: 1 milione 434 mila persone uno stillicidio. Ieri il rapporto dell’Istat sulla «povertà in italia nel 2013» ha redatto un nuovo bollettino dal fronte della lotta di classe dall’alto. L’espressione è stata coniata originariamente dal sociologo Luciano Gallino per descrivere come...

Read more »

Cgil, 400 milioni non bastano per la Cig in deroga [Rassegna.it]

17 luglio 2014
By admin
Cgil, 400 milioni non bastano per la Cig in deroga [Rassegna.it]

Il sindacato accoglie positivamente lo stanziamento di fondi per pagare la restante parte del 2013, ma giudica “insufficiente” la copertura prevista per il 2014. Sorrentino: “Sbagliato in questa fase ridurre l’accesso agli ammortizzatori” Cig in deroga: Cgil, 400 milioni non bastano (foto da flickr) (immagini di Fabrizio Ricci) “Apprezziamo lo stanziamento di 400 milioni per pagare la restante parte del 2013 ma gli ulteriori 400 milioni annunciati per quest’anno sono solo un primissimo atto e per altro insufficiente”. È quanto afferma il segretario confederale della Cgil, Serena Sorrentino, in merito a quanto annunciato oggi dal ministro del Lavoro, Giuliano...

Read more »

INPS – Effetto Fornero sulle erogazioni 2013. Il 43% riceve un assegno inferiore a mille euro.

9 luglio 2014
By admin
INPS – Effetto Fornero sulle erogazioni 2013. Il 43% riceve un assegno inferiore a mille euro.

Nel rapporto 2013 dell’Inps si evidenzia un rosso di 9,9 miliardi ma il patrimonio netto è di 7,5 miliardi. L’effetto Fornero si è fatto sentire sulle pensioni erogate nel 2013. C’è stato segna un crollo delle pensioni liquidate: per i dipendenti privati un calo del 32% per le pensioni di anzianità/anticipate e del 57% per la vecchiaia sul 2012. Lo rileva l’Inps nel suo rapporto annuale che mette in evidenza anche «un saldo negativo di 9,9 miliardi in larga parte’ all’ex Inpdap», secondo quanto riporta una nota dell’ente previdenziale. Il patrimonio netto è invece pari a 7,5 miliardi (dato...

Read more »

Gallino: «L’antidoto al Fiscal Compact è la partecipazione popolare» [ilmanifesto]

4 luglio 2014
By admin
Gallino: «L’antidoto al Fiscal Compact è la partecipazione popolare» [ilmanifesto]

Roberto Ciccarelli – il manifesto Intervista. Oggi al via la raccolta firme per il referendum «Stop austerità, sì alla crescita». Il sociologo torinese lo appoggia insieme ad una possibile iniziativa legislativa popolare. «Renzi nasconde la situazione economica. Non se ne rende conto, anche perchè aderisce al credo neoliberale dominante» La flessibilità del rigore produce confusione nel governo. Il sottosegretario Del Rio ha rilanciato gli Union bond, un fondo federale al quale gli stati conferiscono pezzi del loro patrimonio immobiliare usato come garanzia per investimenti strutturali e per diminuire il debito, mentre per il ministro dell’Economia Padoan «la questione non...

Read more »

Che cosa alimenta la disoccupazione [di Luciano Gallino]

11 giugno 2014
By admin
Che cosa alimenta la disoccupazione [di Luciano Gallino]

  di Luciano Gallino, da Repubblica, 10 giugno 2014 Non è affatto vero che lo Stato spende troppo e bisogna quindi tagliarne le spese per tornare sul terreno virtuoso dello sviluppo. È vero invece che lo Stato spende troppo poco rispetto a quanto incassa, venendo così a mancare all’impegno di restituire ai cittadini le risorse che da loro riceve. Il danno maggiore questo squilibrio lo reca all’occupazione. Di fatto, da quasi due decenni la disoccupazione è spinta in alto dal fatto che lo Stato preleva ogni anno dal reddito degli italiani decine di miliardi in più di quanti non...

Read more »

Coop rosse di vergogna tra inchieste e lotte sindacali. Ora nel mirino della Cgil [FQ]

20 maggio 2014
By admin
Coop rosse di vergogna tra inchieste e lotte sindacali. Ora nel mirino della Cgil [FQ]

L’indagine sulle tangenti per l’Expo milanese fotografa un mondo allo sbando. Orfano della politica, ostaggio di padri-padroni inamovibili. Il coinvolgimento nell’inchiesta del gigante Manutencoop e del suo presidente Claudio Levorato non sorprende. La settimana scorsa un duro attacco era arrivato dal segretario generale Susanna Camusso: “Sappiamo bene che veniamo dalle stesse radici, ma proprio per questo ci indigniamo di più quando non si riesce a dare risposta al tema della falsa cooperazione” di Giorgio Meletti Altro che magistrati. L’attacco più duro alle coop cosiddette rosse è venuto dal capo della Cgil, Susanna Camusso. La settimana scorsa, chiudendo il congresso...

Read more »

Irpef: il bonus da 80 euro vale per mobilità, lavoratori cassintegrati e disoccupati [Qn]

14 maggio 2014
By admin
Irpef: il bonus da 80 euro vale per mobilità, lavoratori cassintegrati e disoccupati [Qn]

A prevederlo è una circolare applicativa dell’Agenzia delle Entrate. Tra le novità anche il fatto che le somme percepite come incremento della produttività, tassate al 10%, non concorrono ai fini del bonus ROMA, 14 maggio 2014 – Anche i cassintegrati e i percettori di indennità di mobilità e disoccupazione riceveranno il Bonus Irpef da 80 euro. è quanto prevede una circolare dell’Agenzia delle Entrate che risponde ai dubbi su beneficiari, calcoli e modalità di erogazione del bonus. Fuori dal conto restano le somme percepite a titolo di incremento della produttività che godono di un’imposta sostitutiva al 10%. L’Agenzia delle...

Read more »

Il contratto a termine e la débâcle del Pd [ilmanifesto]

7 maggio 2014
By admin
Il contratto a termine e la débâcle del Pd [ilmanifesto]

di Piergiovanni Alleva, da il manifesto, 4 maggio 2014 La soddisfazione con cui i partiti di centro destra hanno salutato l’ultima versione, uscita dalla Commissione del Senato, del Decreto sui contratti a termine e apprendistato è la miglior certificazione non solo degli ulteriori e quasi incredibili peggioramenti di una legge già pessima, ma della vera e propria banca rotta – non c’è altra parola – della rappresentanza parlamentare del Partito Democratico. Con la sola meritoria eccezione dell’On. Fassina, i parlamentari del Pd si sono lasciati soggiogare da alcuni notissimi nemici storici dei lavoratori e dei sindacati, a cominciare dall’On....

Read more »

Un 1° maggio contro il lavoro [Com Usb]

1 maggio 2014
By admin
Un 1° maggio contro il lavoro [Com Usb]

Ancora un 1° maggio che ricorderemo per l’ennesimo attacco al lavoro portato avanti dal “nuovo” governo, così simile ai governi precedenti, a quelli tecnici, a quelli di centro-sinistra e di centro-destra. Un attacco che si prefigge di aumentare la precarietà attraverso l’ulteriore liberalizzazione dei contratti a tempo determinato e a quelli di apprendistato. Una liberalizzazione che a prescindere dalla demagogia in salsa elettorale si dimostra per quello che è: maggiore precarietà, minori costi per le aziende, minori diritti per i lavoratori. La truffa alla quale stiamo assistendo nei programmi televisivi e sulle pagine dei giornali parla di un presunto...

Read more »

Brancaccio: “Il Jobs Act? Peggio della riforma Fornero” [microMega]

29 aprile 2014
By admin
Brancaccio: “Il Jobs Act? Peggio della riforma Fornero” [microMega]

Per l’economista il provvedimento, malgrado le piccole modifiche introdotte alla Camera, precarizza ulteriormente il mondo del lavoro e si inserisce nel sequel degli ultimi vent’anni: “In Italia abbiamo assistito allo smantellamento progressivo del diritto del lavoro”. E sugli 80 euro inseriti da Renzi nel Def, “l’idea che possano invertire la rotta e farci uscire dalla crisi è peregrina, per la svolta economica ci vuole ben altro”. intervista a Emiliano Brancaccio di Giacomo Russo Spena La bocciatura del Jobs Act è sonora. Emiliano Brancaccio, docente all’Università del Sannio e promotore del “monito degli economisti” contro le politiche europee di austerity,...

Read more »